Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Recap 360 e Revit: due software
per far rinascere un mito della cultura

Quando abbiamo parlato della Torre Hadid e del BIM (Building Information Modeling) ci siamo soffermati su come la progettazione in 3D – seppur ancora poco praticata in Italia – comporti una nutrita serie di vantaggi. Uno tra tutti: la riduzione degli errori di progettazione e di coordinamento produttivo in cantiere, anche per materiali impiegati male. Una situazione che incide anche fino al 30% sui costi di realizzazione di un progetto.

Basta solo questo per capire come la progettazione in 3D sia per sua natura un metodo da Smart City: di fatto, è tecnologia che migliora lo stato dell’arte nel settore architettonico e ingegneristico. Ora, però, facciamo un passo indietro per arrivare al cuore del 3D. E cioè, all’immagine.

Oltre mezzo secolo di fotografie

Il passo indietro ci porta alla metà del Novecento, quando l’utilizzo di appositi apparecchi fotografici collocati su aeroplani fa nascere il rilievo aerofotogrammetrico. Da lì deriva la cartografia moderna, che viene poi migliorata dall’avvento del digitale.

È infatti grazie ai primi modelli digitali del terreno (DTM) e alla loro sovrapposizione con le ortofoto che si possono creare le prime realistiche visioni in 3D del territorio.

L’evoluzione corre, e ci porta all’inizio del XXI secolo con il rilievo laser dei sistemi LIDAR (Laser Imaging Detection and Ranging), utilizzati su elicotteri e, in tempi più recenti, sistemati su droni professionali.

360-recapphoto-cavarilevata-vista3d-1La diffusione di apparecchi fotografici digitali, di dimensioni contenutissime – come i droni su cui vengono montati – e di risoluzione altissima caratterizza i nostri giorni.

L’aspetto chiave, in questo caso, è l’evoluzione del software che dalle foto prese dall’alto consente di ricostruire l’immagine tridimensionale.

L’evoluzione del software e Autodesk

 

L’elaborazione dei dati è la parte più laboriosa, ma può essere effettuata con software di facile utilizzo. Per esempio Autodesk Recap 360, che nella sua ultima versione contempla interessanti novità, come le ortofoto georeferenziate da foto digitali scattate da drone.

Autodesk Recap 360 converte i dati raccolti dagli apparecchi laser e fotografici in nuvole di punti, mesh tridimensionali, Modelli Digitali di Elevazione (DTM) e – appunto – ortofoto georeferenziate: in pratica, quel che occorre per poter progettare infrastrutture nuove o effettuare il restauro e la manutenzione di quelle esistenti.

   

Il caso del teatro Lirico di Milano

A proposito di restauro, il Lirico di Milano è stato un banco di prova per l’uso di queste tecnologie e del BIM nella progettazione di ciò che dovrà tornare a essere uno dei luoghi più importanti per la storia culturale milanese e italiana, chiuso dal 1999.

Per la loro complessità, progetti questo sono difficilmente riconducibili a agli schemi fissi di piante, prospetti o sezioni. Un modello 3D completo dà invece la possibilità di visualizzare, analizzare e modificare puntualmente ogni singolo elemento: tramite il rilievo scanner e le nuvole di punti, è stato possibile rilevare elementi impossibili da raggiungere con il rilievo classico.

Al lirico, in particolare, sono stati rilevati oltre 10 miliardi di punti: una quantità enorme, che ha permesso una restituzione grafica di altissima precisione.

La gestione delle nuvole di punti da parte di un altro software Autodesk (Revit) ha consentito di controllare ogni singolo elemento e di determinarne ogni suo aspetto e ogni sua caratteristica.

schermata-2016-10-01-alle-17-50-45

Infine, la connessione tra Autodesk ReCap 360 e Revit è stata fondamentale per ottenere una perfetta conversione dei dati di rilievo in un modello tridimensionale.

E tu, quanta intelligenza vuoi per i tuoi progetti?

Condividi

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Per maggiori informazioni, siamo a tua disposizione: contattaci

IN BREVE

 

CATEGORIA SMART

Smart Living

TECNOLOGIA

Software Autodesk Recap 360 e Autodesk Revit

DOVE ACQUISTARE LA SOLUZIONE

Sei un rivenditore di informatica?
Acquista la soluzione Autodesk sulla piattaforma e-commerce Tech Data.

Se sei un utente finale,
visita il sito Autodesk o rivolgiti al tuo rivenditore di fiducia.


PER CHI

Per le imprese e gli studi di progettazione e architettura

PER QUALI RIVENDITORI

Per rivenditori diretti agli studi di progettazione

DOVE NELLA CITTA’

 Tutta La Città

CONTENUTO SPONSORIZZATO