Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

All’ospedale basta poco per essere smart:
una connessione internet, un browser e Awingu

  • DIFFUSIONE DEL FSE PER REGIONI IN CUI È ATTIVO 35%
  • DIFFUSIONE DEL FSE PER REGIONI CHE LO STANNO IMPLEMENTANDO 50%

Quante volte ci lamentiamo della sanità che non funziona, dei tempi lunghi (quando non biblici) per una visita, dei disservizi che incontriamo nei nostri rapporti con le Asl o gli ospedali? Che quei tempi siano destinati a finire, magari è affermazione un po’ forte; ma che siano destinati a migliorare, e a breve, è invece più che plausibile.


La tua storia clinica?
È già attiva in 7 regioni su 20

I numeri, in questo senso ci aiutano. Nel caso specifico, si tratta dei seguenti: 7 e 10. Si tratta delle regioni italiane nelle quali è disponibile (7) o è in fase di implementazione (10) il Fascicolo Sanitario Elettronico, ovvero l’insieme dei dati e dei documenti digitali generati da eventi clinici presenti e passati, e riferiti al singolo cittadino. In altre parole, è la storia clinica di tutti noi, e viene alimentato da chi ci cura nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale e dei servizi socio-sanitari regionali.

Il FSE è un documento decisivo per avere il quadro clinico completo di una persona, e quindi per rendere più efficaci e veloci le diagnosi e le decisioni da prendere su determinate cure. È, insomma, un autentico strumento da smart city.

Awingu L’accesso

La natura di documento del FSE solleva questioni importanti per quanto riguarda l’accesso alle informazioni in esso contenute. Si tratta di salute: tema sensibile, con delicatissimi riflessi sulla privacy. Ma ad un livello più elementare, i problemi di accesso si declinano nella semplicità con la quale un medico o un operatore sanitario possono gestire dati e documenti dei pazienti.

Pensiamo, per esempio ad un medico che lavori in due ospedali e, nel suo studio, come libero professionista. Ha un proprio computer portatile o un proprio tablet, e magari uno di quegli ospedali gliene ha fornito un altro, come dispositivo aziendale.
Di fronte a tanto hardware, il medico ha un solo desiderio: accedere ai propri gestionali, ai software dell’ospedale o al FSE da uno solo di quei dispositivi e da dove egli si trovi in qualsiasi momento della giornata. Il tutto, come abbiamo accennato, nella massima sicurezza per la privacy del paziente.

Fotolia_74105630_MNon solo medici

Problemi come quello appena descritto non riguardano sono i medici. Anche il management dell’ospedale può ritrovarsi in situazioni simili. Pensiamo magari al direttore sanitario che, dal proprio portatile o da quello aziendale, voglia lavorare sul programma di gestione dell’ospedale. Spesso è vincolato all’uso del solo device aziendale, e ciò ne limita inevitabilmente le possibilità di azione; o lo costringe a portarsi dietro due dispositivi.

Fotolia_68278807_SAnziani in tutto e per tutto

Un settore specifico del mondo sanitario riguarda l’assistenza domiciliare ad anziani, disabili o altre persone bisognose di sostegno. Gli operatori che se ne occupano passano ovviamente la maggior parte del proprio tempo a casa di queste persone, spesso senza poter disporre di un laptop o di un tablet sul quale fare e salvare gli opportuni report. In altre parole, devono ricorrere alla carta. Come possono fare?

La risposta: Awingu

Le domande sono tante, e la risposta è una. Si chiama Awingu, ed è un tool che esprime
due concetti centrali nella visione di sviluppo di una smart city: mobilità e semplicità.

Dopotutto, la storia recente ci ha mostrato come il modo di lavorare di tutti noi sia cambiato, lasciando emergere l’esigenza di connettersi da ogni luogo e in ogni momento della giornata. Non sempre gli uffici e le dotazioni IT riescono però a stare al passo con questi nuovi desiderata,
basandosi ancora troppo su una forma di dipendenza geografica e da hardware.

Ciò che può aggiornare questa impostazione è un sempre maggior radicamento del concetto di BYOD, ovvero Bring Your Own Device: il tuo tablet, il tuo smartphone, il tuo computer per lavorare,
studiare o svagarsi senza passare tra diversi oggetti, chiavi d’accesso e sistemi operativi.

Guarda come funziona Awingu

Tutto via web

Awingu è una piattaforma web, da cui l’utente ha accesso facile a tutti i propri file, applicazioni e software.

Quel che serve è una coppia di elementi: una connessione internet e un browser.

Non è richiesto alcun download di programmi, l’ambiente di lavoro è a protezione massima e non lascia «impronte» di dati locali all’interno del device che si utilizza.

In ambito sanitario, un passo in più è richiesto alle assistenti sanitarie a domicilio: per imparare a gestire la reportistica è richiesto un breve training. Poche ore, e addio ai fogli di carta.


Qual è il tuo device preferito per vivere la smart city?

Condividi

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Per maggiori informazioni, siamo a tua disposizione: contattaci

IN BREVE

CATEGORIA SMART

Smart Living

DOVE ACQUISTARE LA SOLUZIONE

Sei un rivenditore di informatica?
Acquista la soluzione Awingu sulla piattaforma e-commerce Tech Data.

Se sei un utente finale,
visita il sito Awingu o rivolgiti al tuo rivenditore di fiducia.

TECNOLOGIA

Reti, architettura web

PER CHI

Per medici, infermieri e manager delle aziende sanitarie e degli ospedali

PER QUALI RIVENDITORI

Per rivenditori diretti a chi opera nel mondo sanitario

DOVE NELLA CITTA’

 Ospedale

CONTENUTO SPONSORIZZATO